Questo sito utilizza cookies per offrire ai propri utenti servizi personalizzati e migliorare la loro esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito acconsenti al loro utilizzo.

Mimma RAPICANO

Mimma RAPICANO

2015 - Gozzo International Festival - Gallipoli (at Mediasail): logo e progetto grafico per vari supporti dell'evento

Finanservice

Venerdì, 02 Settembre 2016 14:58

2016 - Finanservice - Este (Padova): logo e immagine coordinata

La conoscenza empirica che si ha dell’altro, diciamolo, è spesso arbitraria e chi percepisce lascia circolare impunemente le sue interpretazioni.

La goffa scrivi-scrivi che è in me crede che la percezione sia un grande equivoco e quel che ne vien fuori è il distorto dialogo tra due persone.
Me lo immagino l’incontro, due storie che si fronteggiano e lo scontro con la materialità dei loro corpi è inevitabile.
Ma i corpi sono un limite invalicabile, una tela amorfa e mal dipinta, che anelano il dovuto riconoscimento nella realtà.
“La realtà non è il reale”, mi dice un amico filosofo. “Attenta a cosa scrivi, i discepoli di Lacan potrebbero infuriarsi”.

Ma poiché io sono una goffa scrivi-scrivi faccio come mi pare, sono il buffone di corte e mi prendo il lusso di imbrattare i vostri schermi con le mie assurde teorie.

IL DONO

Venerdì, 06 Maggio 2016 15:23

“… sbircio un cielo che trema di luci come il mare d’agosto trema di alici…” E. De Luca

Eccomi di nuovo a scrivere le mie impressioni sul libro appena finito, l’ennesimo passaggio che uno scrittore mi ha dato verso un luogo prima sconosciuto e che ora farà parte dei miei ricordi.

La lettura di Montedidio di Erri De Luca è stato quel silenzioso passaggio che ha calzato le mie ore, ha guastato il chiasso di questo vicolo per farne luce e quiete.
Ho afferrato e stretto la mano dell’autore e, senza alcuna resistenza, ho percorso il libro dalla prima all’ultima pagina, muta e vigile come un pesce incantato.

È sulla soglia di casa che si ferma tutto il male del mondo.

Ci indigniamo furiosamente per le cose brutte che vediamo scorrere sullo schermo del nostro computer oppure in tv.

Ci sentiamo parte del tutto se anche la rabbia è comune e condivisa e allora sfoggiamo bandiere di pace nei nostri profili social oppure sosteniamo proteste purché restino fuori dalle nostre abitazioni.

Quando finisco di leggere un libro, un bel romanzo corposo e intenso come "Il giorno del giudizio" di Salvatore Satta, mi ritrovo orfana e spaesata.
Perché è questo che fa un buon libro, ti trascina lontano per poi riportarti dove tutto è iniziato.

E mi ritrovo all’alba a riflettere sul romanzo appena terminato e mi abbandono a questo senso di vuoto che mi prende mentre cerco le parole giuste per descriverlo.

Diamo un nome alle emozioni e ai momenti importanti che segnano il passo della nostra vita. I nomi ci servono per alimentare i ricordi e dare loro un valore assoluto ed eterno.

Ci danno un nome per riempire lo spazio vuoto tra noi e il mondo e con le parole ci illudiamo di dominare quello spazio spesso logoro e albino. Ma le parole amano la libertà, l’aria, la luce e il ribrezzo per la nostra finitezza s’interpone tra noi e l’infinito, tra noi e un linguaggio che non ci appartiene.

Quello che facciamo non è altro che scavare solchi entro cui far scorrere segni per giustificare il nostro stare al mondo, perché abbiamo un nome e perché possediamo la parola.

5 domande a Dario Arkel

Giovedì, 14 Gennaio 2016 18:53

Il 2016 inizia con una speciale intervista a Dario Arkelsaggista e docente universitario. Lessi in rete alcuni brani tratti dai suoi libri e mi colpì la sua visione dell'Altro dentro e oltre i social network. Arkel risponde alle mie domande con partecipazione totale. Le sue sono risposte intense e piene di spunti per nuove riflessioni. 

"Appartengo a un mondo Mitteleuropeo e vivo il Mediterraneo" D.A.

Buona lettura

Armonia della condivisione

Mercoledì, 30 Dicembre 2015 09:54

La parola armonia mi piace molto. Una parola dal suono dolce che custodisce nel suo fertile grembo la musica, l’architettura, la grafica, la pittura, l’arte nella sua totalità e bellezza.

In quest’ultimo anno, attraverso la mia esperienza di blogger, ho potuto dare un nuovo senso a questa parola: condivisione. 

Come ho già scritto in un altro post, per me essere blogger è scrivere ciò che si sente e ciò che si vede ed io ho visto, sentito e condiviso.

Ho indossato il mio scafandro e come un curioso palombaro digitale sono andata alla ricerca dell’armonia.

Che significa oggi essere creativi? A rispondere alle mie domande è Enzo Morandini (web designer).

"Internet non è più quel monolitico luogo virtuale anonimo e freddo, ma un immenso network di connessioni dove ogni persona può ritagliarsi il proprio spazio e, senza filtri, scoprirsi per chi sia realmente."

Questa frase racchiude tutto lo spirito dell'intervista.

Buona lettura

Pagina 1 di 8
top