Questo sito utilizza cookies per offrire ai propri utenti servizi personalizzati e migliorare la loro esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito acconsenti al loro utilizzo.

Vivere di bellezza e fantasia

Lunedì, 11 Maggio 2015 06:16
(5 Voti)
Scritto da 

Saranno le mie scintille, il caso o non so cos’altro, ma le mie associazioni accadono sempre leggendo un libro.
Per me i libri e la lettura rappresentano un nutrimento fondamentale della vita, necessario quasi quanto l’aria che respiro. Assurdo? Seguitemi e capirete.

I libri mi hanno aiutata a crescere, a guardare lontano, a scoprire nuovi mondi. Emozionarmi leggendo un romanzo è la felicità assoluta, difficile da descrivere.

libroQualche giorno fa ero passata in libreria per prenotare un libro poi, non avendo fretta, mi sono recata nel mio settore preferito: graphic design e architettura. E lì è avvenuto l’incontro.
Da uno scaffale, una copertina ha attirato la mia attenzione: Oscar Niemeyer  “Il mondo è ingiusto” (a cura di Alberto Riva, Mondadori 2012). Mi è bastato leggere la prima pagina per decidere, inevitabilmente, di acquistarlo.

“Disegnavo senza matita e senza foglio. Disegnavo in aria, con una mano alzata.
Mia madre mi chiedeva: “Cosa stai facendo, ragazzino?”
E io rispondevo: “Sto disegnando”
Lei sorrideva, le pareva una cosa buffa.
Talvolta ripensavo al disegno che avevo fatto e allora ci tornavo su e lo correggevo, come se realmente esistesse!”

Oscar Niemeyer è un architetto o forse l’Architetto per eccellenza. Una vita (ci ha lasciato a 104 anni) trascorsa a progettare i più begli edifici della storia moderna. Ha costruito sogni e fantasia fatti di materia, proporzioni e armonia.
Guardare le costruzioni di Niemeyer è come immergersi in uno spazio atemporale, né passato, né presente, né futuro. Sono sogni, visioni, pura bellezza.

“L’arte è un complemento importante, come nelle ville del Palladio i dipinti, le sculture: quando architettura e arte si incontrano è un momento eccezionale” (op. cit.)

“La funzione, cioè l’uso che si fa di un’opera, non basta, anche la bellezza è utile. Ci sono opere del passato, certe chiese, certi palazzi, che oggi sono utilizzate in modo diverso, sono sopravvissute pur cambiando la loro funzione: ancora oggi le usiamo, le frequentiamo. Questo succede perché ciò che è rimasto non è l’utilità che avevano all’epoca, ma è la bellezza; la bellezza e la poesia sono sopravvissute al tempo” (op. cit.)

Scrivendo questo post mi son chiesta se la ricerca della bellezza e della fantasia potessero essere condivise. Ci ho pensato solo un attimo, poi mi son detta sì è possibile.

Vivere di bellezza significa farsi trasportare dalle proprie passioni, è quella possibilità della meraviglia alla fine di un sentiero, la voglia di osare per migliorare e migliorarsi. Per me la bellezza sta nell’arte custodita nei musei o graffiata sulle pareti di grigi edifici, tra le note di una sinfonia. La bellezza è un tempio senza confini dove ognuno vi cerca la sua.

Vivere di fantasia per me significa incontrare le idee in cose inaspettate, rincorrere i sogni con l’innocenza e la voglia di cambiamento. La fantasia è quella (tremolante) traccia invisibile che spesso perdiamo (tremando) ma che poi ritroviamo quando smettiamo di avere paura.

“La vita è un soffio. Per questo bisogna imparare ad attraversarla in modo decente. Coltivare le proprie idee, i propri principi, che sono come pilastri, e portarli con noi per il resto della vita. Questa è la grande sfida” (op. cit.)

Ecco, bellezza e fantasia sono un po’ di tutto questo. Oppure il tutto-questo che è la vita. Al mondo ci sono schiere di utopici sognatori, ma pochi riusciranno a cambiarlo veramente. Tuttavia credo che se ognuno di noi, nel suo piccolo, cercherà di vivere con fantasia circondandosi di bellezza allora, anche se per pochi attimi, il mondo sarà migliore e meno ingiusto.

E per voi, cos'è la bellezza e la fantasia?

Condividi su
linkedin twitter facebook googleplus rss
Letture
Letto 1644 volte
Ultima modifica il
Mercoledì, 13 Maggio 2015 06:43

Commenti   

0 #3 Gloria Vanni Sabato, 10 Ottobre 2015 16:31
"Inaugurata nel 1975, la sede del Gruppo Mondadori è una delle realizzazioni più significative dell’architetto brasiliano Oscar Niemeyer, che con l’ideazione e la progettazione della città di Brasilia aveva fortemente impressionato Arnoldo Mondadori", da Gruppo Mondadori.

Arnoldo sarà stato così impressionato che accettò di mettere una marea di persone a lavorare in un edificio privo di areazione naturale: prova a chiedere "come si sta a Segrate" dopo ore e ore di convivenza in un ambiente che negli anni Settanata era lontano anni luce da concetti come sostenibilità ambientale e soprattutto umana. Be', non aspettare la risposta!
Citazione
0 #2 Mimma RAPICANO Sabato, 10 Ottobre 2015 13:36
Citazione Gloria Vanni:
...mi son chiesta se la ricerca della bellezza e della fantasia potessero essere condivise. Ci ho pensato solo un attimo, poi mi son detta sì è possibile...

Concordo, Mimma! Per me bellezza e fantasia sono continuare a gioire delle piccole cose di ogni giorno, incluso lasciare un commento a questo tuo bellissimo post: grazie. PS: Oscar Niemeyer ha fatto anche la Mondadori e per tutto il tempo che ci ho lavorato non l'ho amato perché ha fatto un palazzo con finestre impossibili da aprire. Perciò, l'aria è... pessima!


Gloria, trovare un tuo commento è sempre una gioia. Ora so che il lavoro come "blogger" in questi mesi non è proprio stato vano. Per me la condivisione è importante, è la vera anima della Rete. Ti inserirò tra i miei utopici sognatori, tra i blogger veri e puri che alimentano il sano mondo digitale. Grazie
ps: sulle finestre di Mondadori dovresti illuminarci.
Citazione
0 #1 Gloria Vanni Sabato, 10 Ottobre 2015 12:32
...mi son chiesta se la ricerca della bellezza e della fantasia potessero essere condivise. Ci ho pensato solo un attimo, poi mi son detta sì è possibile...

Concordo, Mimma! Per me bellezza e fantasia sono continuare a gioire delle piccole cose di ogni giorno, incluso lasciare un commento a questo tuo bellissimo post: grazie. PS: Oscar Niemeyer ha fatto anche la Mondadori e per tutto il tempo che ci ho lavorato non l'ho amato perché ha fatto un palazzo con finestre impossibili da aprire. Perciò, l'aria è... pessima!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

top