Questo sito utilizza cookies per offrire ai propri utenti servizi personalizzati e migliorare la loro esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito acconsenti al loro utilizzo.

DELLA PERCEZIONE OVVERO CHE NE SAI TU DI ME

DELLA PERCEZIONE OVVERO CHE NE SAI TU DI ME CC0 Public Domain - pixabay.com
Giovedì, 14 Luglio 2016 06:38
(0 Voti)
Scritto da 

La conoscenza empirica che si ha dell’altro, diciamolo, è spesso arbitraria e chi percepisce lascia circolare impunemente le sue interpretazioni.

La goffa scrivi-scrivi che è in me crede che la percezione sia un grande equivoco e quel che ne vien fuori è il distorto dialogo tra due persone.
Me lo immagino l’incontro, due storie che si fronteggiano e lo scontro con la materialità dei loro corpi è inevitabile.
Ma i corpi sono un limite invalicabile, una tela amorfa e mal dipinta, che anelano il dovuto riconoscimento nella realtà.
“La realtà non è il reale”, mi dice un amico filosofo. “Attenta a cosa scrivi, i discepoli di Lacan potrebbero infuriarsi”.

Ma poiché io sono una goffa scrivi-scrivi faccio come mi pare, sono il buffone di corte e mi prendo il lusso di imbrattare i vostri schermi con le mie assurde teorie.

Per me la realtà è un biscotto raffermo che a poco a poco si sbriciola e l’essere umano diventa una nota a margine, un paragrafo appena abbozzato di capitoli mai finiti. 

Utilizziamo gli occhi per percepire e quando con essi non riusciamo a vedere o vederci nell’altro ci affidiamo alla parola.
Allora ascoltare diventa l’unico punto di contatto tra chi tenta di esprimersi e chi cerca di comprendere.

Ma siamo sicuri che la parola semplifichi il contatto e la comprensione dell’altro?
Con le parole abbiamo inventato un linguaggio – o quello che crediamo sia il linguaggio – e con esso tentiamo di comunicare.
Comunicare è il primo comandamento – non scritto – dell’uomo-macchina dell’ultimo secolo. La comunicazione oggi è diventata una massa informe, un vuoto cosmico entro cui sta sprofondando l’intera umanità.

Pochi sanno che il potere dato alla parola sfugge a qualsiasi controllo.
L’io che narra la sua storia è vittima dell’io soggettivo che vive la sua storia.
È nato così l’universo del caos.

Allora, per sopravvivere al caos, abbiamo partorito il Noi salvifico e illuminante, l’autorità che detta legge su cosa e come percepire.
Errore d’interpretazione, penso. E gli errori generano rancori e il rancore crea l’incomunicabilità.

La necessità di contenere il fatidico errore crea piccoli regni su piccoli pianeti, dove difendiamo la nostra romantica visione sulla libertà di percepire sprofondando nell’insana affermazione che “l’essenziale è invisibile agli occhi”.

Ma non è meglio cercare il visibile per sfuggire agli equivoci? Chiedo.
Forse la mia essenza non è altro che la somma della mia incomunicabilità e della mia incomprensione.
Forse sono un piccolo atomo in un universo già morto, penso. E miliardi di parole continuano, senza pudore, a imbrattare il bianco lenzuolo che sarà la reliquia dell’umanità.

“Comunicare è da insetti, esprimerci ci riguarda”, scriveva il filosofo catanese. Indifferenti alla profonda bellezza di tale affermazione non cerchiamo di esprimere chi siamo ma tentiamo di comunicarlo attraverso immagini e percezioni condivise: Noi siamo è una distopica sentenza di superiorità.

Il pianeta che abitiamo fluttua in un ventre buio e sconfinato.

Non dovremmo percepire la catastrofe imminente?
Non dovremmo fare del dubbio la nostra fede?

La catastrofe è la menzogna che si nutre delle nostre certezze, è la percezione daltonica, è il Noi sacro che domina il nulla.

Se io non sono capace di percepire allora non posso essere percepita. Io non esisto per chi mi sta di fronte o, se esisto, sono il  riflesso della sua alterata visione.

Che ne sai tu di me? vorrei chiedere alla piccola ancella che protegge il suo regno irridendo il mio.

Faccio ammenda di ciò che ho distorto di me, faccio ammenda di ciò che ho distorto di te, viva ma distante.

In fondo sono solo una goffa scrivi-scrivi che in una calda serata estiva cerca risposte sulla dinoccolata teoria della percezione.

Condividi su
linkedin twitter facebook googleplus rss
Letture
Letto 3135 volte
Ultima modifica il
Giovedì, 14 Luglio 2016 12:28

Commenti   

0 #4 Mimma RAPICANO Domenica, 17 Luglio 2016 07:08
Citazione Nick Murdaca:
Ho adottato il tuo bel post, Mimma. Hai pubblicato un argomento molto interessante, di cui hai scritto benissimo, e condiviso una splendida percezione (giusto per restare in tema). A modo mio, anch'io gli ho dedicato tempo ed energie, e forse come te, ho qualche domanda in sospeso. Quindi, chissà, magari dal gruppo #adotta1blogger possono saltare fuori risposte confortanti?

Complimenti.


Carissimo Nick,
intanto grazie mille per aver letto, commentato e adottato questo post sul gruppo #adotta1blogger.
Prima di pubblicarlo mi sono fatta mille domande, mi sono chiesta se era il caso di lanciare in "rete" un argomento così pieno di sfumature e interpretazioni.
Poi, per fortuna, ho superato ogni paura. E oggi sono felice di questa scelta perché ne sta venendo fuori un bel confronto e un interessante scambio di idee soprattutto su Medium.
Un abbraccio. mimma
Citazione
0 #3 Nick Murdaca Sabato, 16 Luglio 2016 23:15
Ho adottato il tuo bel post, Mimma. Hai pubblicato un argomento molto interessante, di cui hai scritto benissimo, e condiviso una splendida percezione (giusto per restare in tema). A modo mio, anch'io gli ho dedicato tempo ed energie, e forse come te, ho qualche domanda in sospeso. Quindi, chissà, magari dal gruppo #adotta1blogger possono saltare fuori risposte confortanti?
Complimenti.
Citazione
0 #2 Mimma RAPICANO Sabato, 16 Luglio 2016 12:05
Citazione Renato:
Mimma ho letto con grande interesse questo tuo bellissimo articolo. Grazie per gli spunti di riflessione che mi offri

Grazie a te Renato per aver letto e commentato questo post. Un abbraccio Mimma
Citazione
0 #1 Renato Venerdì, 15 Luglio 2016 10:42
Mimma ho letto con grande interesse questo tuo bellissimo articolo. Grazie per gli spunti di riflessione che mi offri
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

top